Home » Privacy News » Multa a negozianti di Ferrara

Multa a negozianti di Ferrara

Multa a negozianti di Ferrara - Prynet

L’impianto di videosorveglianza del negozio rischia di costare più caro dei furti subiti a due negozianti di Ferrara. Il motivo? “Aver posizionato..........

Lunedì 30 Luglio 2012

L’impianto di videosorveglianza del negozio rischia di costare più caro dei furti subiti a due negozianti di Ferrara. Il motivo? “Aver posizionato il monitor in posizione ritenuta irregolare, tale da pregiudicare ipoteticamente il rispetto della privacy”, come riporta il Resto del Carlino del 13 maggio 2012.

“Per questo dovremo pagare 12.750 euro”, hanno informato Monica Monterossi e Claudio Forlani, commercianti nella zona del Ghetto, puntando l’indice sullo schermo spento del tv a led: “L’abbiamo installato un anno fa, rivolgendoci a una ditta specializzata e certificata, dopo che dai nostri due negozi ci era stato rubato di tutto: capi d’abbigliamento, borse, la macchina fotografica di una cliente, persino un vaso di camelie.”

Ma il conto per aver installato il sistema di videosorveglianza, è risultato più salato del previsto:

all’inizio di aprile nel negozio si è presentato il Nucleo Ispettorato del Lavoro dei Carabinieri, che ha accertato l’installazione di una telecamera che riprende la zona vendita, ingresso e banco cassa — recita il verbale; l’installazione del monitor che rende fruibili e accessibili a terzi non autorizzati le immagini riprese, si pone in violazione della disciplina di protezione dei dati personali”.

Traduzione: lo schermo è puntato verso l’area di vendita, teoricamente qualunque cliente può vedere le immagini.

Di qui, ai sensi degli art.33 e 169 del Dlgs 196/2003, la contestata violazione della privacy che comporta «l’arresto sino a due anni o l’ammenda da 10mila a 50mila euro», recita drasticamente il Codice Privacy.

I commercianti hanno fatto sapere che pagheranno la multa nella misura ridotta, quasi 13mila euro, perchè un eventuale ricorso all’Autorità Garante della Privacy, in caso di esito negativo  potrebbe far scattare la sanzione massima. (l’arresto fino a due anni o la maxi multa di 50mila euro)

Fonte: www.corriereprivacy.it

04/11/2012 commenti (0)